Risparmio in Bolletta: Ecco Come Fanno i Tuoi Vicini di Casa

Risparmio-in-Bolletta

Il risparmio in bolletta è un tema importantissimo, che va molto oltre la semplice logica economica e si lega a temi globali. Consumare meno energia, o meglio consumarla senza sprecarla nelle nostre attività quotidiane è importante non solo per ragioni di portafoglio ma anche per dare il proprio contributo in termini di sostenibilità.

Risparmio in Bolletta e Lotta ai Cambiamenti Climatici

Ti starai chiedendo come si aggancia la tua bolletta a un tema così grande, eppure il concetto di diminuire i consumi è proprio uno dei pilastri delle strategie globali di lotta ai cambiamenti climatici. L’altro pilastro è la sostenibilità della produzione industriale, ma qui parliamo di risparmio energetico.

I primissimi passi nella direzione della riduzione dei consumi energetici si sono fati con l’entrata in vigore, dal 16 febbraio 2005, del Protocollo di Kyoto, il trattato internazionale con cui molti Paesi si sono impegnati a ridurre le emissioni di CO2 e dei gas climalteranti, nel periodo compreso tra il 2008 e il 2012. Successivamente, il documento più importante a livello mondiale è la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, comunemente nota come Accordo di Parigi sul clima, sottoscritto nel 2015 e adottato inizialmente da 184 Paesi.

L’obiettivo di lungo periodo dell’Accordo di Parigi è quello di contenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto della soglia di 2 °C oltre i livelli pre-industriali, e di limitare tale incremento a 1.5 °C, poiché questo ridurrebbe sostanzialmente i rischi e gli effetti dei cambiamenti climatici.

Quindi, consumare di meno è un imperativo sia per le industrie che per tutti noi: Legambiente scrive in un opuscolo sul risparmio energetico che “La fonte di energia pulita per eccellenza è quella che deriva dal suo risparmio e dal suo uso più razionale”.

Consumare meno, ognuno nel proprio contesto, significa scegliere alcune tecnologie rispetto ad altre; scegliere un impianto di riscaldamento invece di un altro (ad esempio una caldaia a condensazione, o il solare termico); scegliere gli elettrodomestici efficienti e controllare le etichette.

Il miglioramento dell’efficienza energetica garantisce, a parità di condizioni, bollette più leggere e
quindi un risparmio nell’economia familiare.

Una parte non indifferente dell’energia prodotta finisce in casa, dove viene impiegata per riscaldare gli ambienti e l’acqua, per erogare elettricità e per far funzionare le lampadine e gli elettrodomestici. Il
consumo nel settore degli usi civili diviene sempre più consistente e contribuisce in maniera non trascurabile all’inquinamento. A partire dai consumi e dai comportamenti domestici, ciascuno di noi
dovrebbe impegnarsi ad adottare accorgimenti che possono rendere la nostra casa non solo meno inquinante, ma anche meno costosa: se consumare meno vuol dire aiutare l’ambiente, i comportamenti virtuosi aiutano anche a ridurre i costi delle bollette.

Anche a te non piace il momento in cui arrivano le bollette? Vorresti trovare il modo di spendere meno e dare il tuo contributo in termini di sostenibilità ambientale?

Alcune famiglie della provincia di Rovigo hanno trovato il modo di spendere meno per la luce, seguendo solo questi due consigli.

1. Non sprecare energia

Il 20% dell’energia usata nelle case viene sprecata, e con questo non voglio dire che le famiglie si comportano male, ma che ci sono margini di miglioramento nei comportamenti. Ad esempio, spesso si esce di casa lasciando una luce accesa per “dissuadere i ladri”, ma questo è un comportamento energivoro; per non parlare delle spie in stand by!

Alcuni sprechi poi sono necessari o involontari.  Pensa ad esempio che la quantità di calore offerta dall’impianto di riscaldamento in inverno, non serve solo per portare e mantenere i 20 gradi interni, ma deve anche compensare il regolare ricambio d’aria ogni volta che si aprono le finestre, azione necessaria e salutare; il calore però esce dall’abitazione anche attraverso le finestre chiuse o le porte, attraverso spifferi e dispersioni se l’edificio non è ben coibentato.

Tutta questa energia sprecata sono milioni di euro in tutta Italia che non contribuiscono al benessere di nessuno ma aumentano le bollette e concorrono all’aggravamento dei cambiamenti climatici.

Certo, scienziati e ingegneri dei materiali stanno cercando nuove fonti di energia sostenibile, hanno inventato lampadine che sprecano meno, e elettrodomestici di classi sempre più performanti. Ma la risorsa migliore per risparmiare non è di certo un pannello solare: sei tu. Puoi cambiare la tua bolletta senza alcun tipo di ricerca o invenzione, solo migliorando le tue abitudini. Puoi iniziare già da subito, vedresti un grande cambiamento dalla prossima bolletta.

Quindi cosa stai aspettando?

Leggi altri articoli sul risparmio:

Scarica la guida gratuita al risparmio, per trovare molti altri consigli.

2. Trova tariffe vantaggiose

Le famiglie che sono passate ad ASM SET sono già più di 40.000, e continuano ad aumentare sia nelle province di Rovigo, che Ferrara e Padova. Perché con le offerte fino alla fine dell’anno di ASM SET, sono sicure di pagare il meno possibile tutta l’energia che utilizzano.

Ecco come hanno iniziato a spendere meno. Inizia anche tu, e vedrai subito la differenza nelle tue bollette, clicca qui sotto!

{{cta(’90a2ff03-03a3-4324-b3f5-e53d354b1575′)}}

Condividi questo articolo!